PoveraPazza

Offertorio

2 commenti

Non mi sentirai dire: ti do l’anima.
Non ti darò nessuna astratta inconsistenza. Non potrai separare e non dovrai scegliere. Tutto ciò in cui vorrai credere starà nelle tue mani.
Avrai il mio corpo, come una terra promessa. Da arare e seminare e raccogliere. Da cui estrarre dolore e piacere, a picconate e preghiere. Da risalire lungo le vene, da sommergere e dominare. Scoprirai la carne, i nervi, il battito elettrico. Sarai affamato, assetato, ti mancherà il respiro.
Ti commuoverai: saprai che le emozioni sono incarnate
Ci morirai dentro, a fondo, nel culo. Perché il mio corpo è tuo.

Annunci

2 thoughts on “Offertorio

  1. molto piaciuta, intensa
    particolarmente questi versi…
    estrarre dolore e piacere, a picconate e preghiere…

  2. Botturi, è un piacere grande averti qui. Io, che nemmeno riesco a commentare la tua Poesia, tanto è sovrastante. E li chiami versi, pure! E’ solo prosa (sono del tutto incapace di scrivere in versi) e la sfida raccolta di condensare in centoparole.
    Ti ringrazio di cuore. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...